.

.

mercoledì 7 dicembre 2016

Recensione in Anteprima "Fammi Dimenticare La Pioggia" di Viviana Leo

Salve cari lettori,

oggi la nostra Krizia ci parla in anteprima dell'ultimo libro di Viviana Leo, "Fammi dimenticare la pioggia" in uscita grazie alla Newton Compton Editori. Seguitemi e scoprite i nuovi protagonisti ...

Buona lettura :*

fammi-dimenticare-la-pioggia_8508_x1000

Titolo: Fammi dimenticare la pioggia
Autore: Viviana Leo 
Genere: Contemporary Romance
Editore: Newton Compton Editori

Dopo la laurea, Alice decide di realizzare il suo sogno e aprire un ristorante. Gli affari però non vanno a gonfie vele, i clienti scarseggiano e i costi sono elevati. La situazione si complica quando Lisa, la sua migliore amica, preoccupata per le dubbie amicizie del fratello, la supplica di assumerlo per un po' di tempo, per rimetterlo sulla buona strada. Ma i caratteri esplosivi di entrambi non tardano a scontrarsi. Alice è testarda e ha dei gusti molto classici, Andrea è inaffidabile, vorrebbe rivoluzionare il locale in base alle richieste del mercato e ha idee eccentriche che mettono a dura prova la pazienza di Alice. Finché entrambi capiranno che dietro a quelle liti c'è ben altro…

recensione

post-3

Ciao carissimi, ritorno dopo un periodo di assenza parlandovi del nuovo libro di Viviana Leo; “Fammi dimenticare la pioggia”. Vi ricordate di Lisa e Dante, i protagonisti di “Sei solo mio”? Beh, se come me li avete amati, sarete felici di sapere che li ritroverete in questo nuovo lavoro, ma non in veste di protagonisti... No, perché in questo caso è il turno di Alice e Andrea. Ve li ricordate? Noooo? Ok vi rinfresco un po' la memoria.

Alice è la migliore amica di Lisa, sono inseparabili da anni, sanno tutto l'una dell’altra, non c’è segreto che tenga fra loro. Andrea invece è il fratello di Lisa, nonché migliore amico di Dante, anche loro inseparabili fin dalla tenera età, hanno sempre condiviso tutto, avventure e disavventure, anche se adesso il loro rapporto si è un tantino raffreddato.

Fammi dimenticare la pioggia” è ambientato ad un anno di distanza da “Sei solo mio”, e lo scenario è totalmente diverso.

post-1

Alice ha realizzato il suo sogno, appassionata di cucina, è riuscita ad aprire un piccolo ristorante tutto suo. Ristorante che all'inizio andava a gonfie vele, ma che adesso sta attraversando un periodo di difficoltà che quasi costringe Alice alla chiusura, che non sa più come far quadrare i conti. È caparbia ed orgogliosa, non parla a nessuno delle sue difficoltà vuole riuscire ad affrontare tutto contando solo su se stessa. Un giorno riceve una telefonata da Lisa. Il tono dell'amica è supplichevole e Alice capisce subito che altri guai sono in arrivo. Andrea ha perso il lavoro e sta attraversando un periodo difficile e solo lei potrebbe aiutarlo. Lisa le chiede di assumere il fratello e dato che Alice non ha mai saputo dire no all’amica, accetta.
Mi sentivo imbarazzata ma allo stesso tempo curiosa di sapere che cosa sarebbe successo. Mi sembrava di avere di fronte un Andrea diverso da quello che avevo conosciuto, un Andrea odioso ma quasi… irresistibile

Con l’arrivo di Andrea al ristorante, l’equilibrio che Alice aveva stabilito con i suoi due dipendenti viene completamente stravolto. Alice si rende conto che Andrea non è più quello che credeva di conoscere. È irascibile, scontroso, di malumore. Ma, nonostante questo, non si fa impietosire, e lo tratta alla stregua degli altri dipendenti, ma Alice non aveva calcolato che lui la conosce bene.

post-2

Andrea si rende conto che gli affari del ristorante non vanno alla grande, e propone ad Alice una serie di cambiamenti che secondo lui potrebbero giovare alle finanze della ragazza, che però è irremovibile, non ne vuole sapere.

Tra i due è un continuo battibeccare, non sono mai d’accordo su niente,spesso e volentieri solo per partito preso, ma ben presto Alice dovrà ricredersi...

Possibile che il ragazzo che fino ad allora avevo tanto odiato fosse anche l’unico al mondo capace di risvegliare in me sensazioni che non credevo neppure esistessero?

Eccoci qui!!!

Esattamente come per “Sei solo mio” ho impiegato davvero poco a leggere questa storia poco più di quattro ore. Si riconferma la scrittura semplice e scorrevole di Viviana Leo, che tiene il lettore incollato al libro, le pagine scorrono sotto gli occhi senza che ci si renda conto di girarle, e puff, all'improvviso ci si ritrova alla parola "Fine". Solo che stavolta non ho sospirato dicendo Wow. È venuto a mancare qualcosa che ha fatto disperdere la bellezza della storia.

Ho notato una certa velocità che non ha fatto emergere bene il carattere dei protagonisti. Tutto è stato “pizzicato”. Nella storia sono presenti delle situazioni che potevano essere, anzi, che secondo me dovevano essere approfondite e che invece sono state appena accennate, lasciandomi un senso di incompletezza.

Leggendo, immedesimandomi nei personaggi, cercando di capire i loro atteggiamenti, mi facevo delle domande, domande a cui non ho trovato risposte o, se le ho trovate, non sono state soddisfacenti perché non approfondite.

Peccato perché la storia c’è, ed è anche avvincente ma, non mi ha fatto emozionare come doveva, ma soprattutto come poteva se si prestava un po' di attenzione in più a certi aspetti.

Ciò non toglie che “Fammi dimenticare la pioggia” rimane comunque una lettura piacevole. Ottima se si vuole passare un pomeriggio in compagnia di una storia semplice e non “impegnativa” magari sotto un plaid e con una tazza di cioccolata calda tra le mani.



Nessun commento:

Posta un commento

Il Blog si nutre dei vostri commenti, quindi se vi fa piacere lasciateci il vostro pensiero riguardante l'articolo. E se avete gradito quello che avete letto, condivideteci 💓 e clicca su G+