.

.

venerdì 15 settembre 2017

Recensione "Grazie per avermi spezzato il cuore" di Lauren Layne #2 Redemption series

Ciao a tutti cari lettori,
la nostra Concetta di parla di Grazie per avermi spezzato il cuore, secondo volume della Redemption series di Lauren Layne, New Adult uscito il 4 Aprile per Newton Compton Edtori.

Titolo: Grazie per avermi spezzato il cuore
Autore: Lauren Layne
Genere: New Adult
Pubblicazione: 4 aprile 2017
Editore: Newton Compton

Quando Olivia Middleton abbandona il glamour di Park Avenue per una remota città costiera del Maine, tutti danno per scontato che l’abbia fatto per seguire il suo istinto altruista. Olivia in realtà nasconde un segreto e lavorare in un’associazione che si occupa del recupero di veterani di guerra non è esattamente un atto di generosità, ma una penitenza. Il problema è che la persona che le viene affidata non è l’anziano triste e riconoscente che si aspettava di incontrare, ma un ventiquattrenne scostante che non ha alcuna intenzione di diventare lo strumento per la redenzione di Olivia. Paul Langdon non ha bisogno che uno specchio gli riveli di non essere più il quarterback che era prima della guerra. Sa che è diventato brutto dentro e fuori e ha deciso che farà di tutto per mantenere la forma di esilio che si è auto-imposto, anche a costo di perdere la sua eredità. Ma Paul non aveva fatto i conti con la splendida ventiduenne a cui è stato affidato, e che gli ricorda tutto ciò che ha perso e che non potrà mai più avere indietro. Ora Paul e Olivia devono decidere: saranno in grado di aiutarsi a vicenda o sono perduti per sempre

Una ragazza con dei segreti
Un ragazzo ferito nel corpo e nell’anima
Un amore che potrebbe salvarli o distruggerli entrambi

Redemption series

1. Un amore senza fine
2. Grazie per avermi spezzato il cuore
3. L'amore fa male


Più che una lettura estiva, definirei questo secondo capitolo della Redemption Series di Lauren Layne come una lettura da gustare accoccolati sul divano con una coperta addosso e il lento scrosciare della pioggia all’esterno. Una storia che mi ha tenuta sveglia una notte intera perché ero troppo desiderosa di scoprire quali drammi si portavano dietro entrambi i protagonisti e capire come li avrebbero superati. E se, come me, non avete letto il primo libro della serie non preoccupatevi, perché si tratta di romanzi stand-alone, per cui leggibili singolarmente.




Olivia Middleton, appartenente ad una famiglia benestante di New York, lascia il college proprio all’ultimo anno per dedicarsi all’assistenza domiciliare di un reduce di guerra nel Maine, nella sperduta Bar Harbor. Agli occhi di tutti, esclusa la sua migliore amica, questa sua decisione appare come una gran cosa, ma in realtà per Olivia è solo un modo per scappare da ciò che è successo tra lei e il suo ex ragazzo.



«Prendersi cura di un veterano di guerra non è Filantropia. È una penitenza»


Ma, una volta arrivata nel Maine, anziché trovarsi di fronte un anziano veterano cui dare sostegno, avrà a che fare con un giovane ex marine bello e impossibile!




Paul Langdon, ritornato da due anni dall’Afghanistan con la gamba sinistra lesa e metà viso deturpato da tre cicatrici lunghe e profonde, vive nella sua immensa residenza, isolato dal resto del mondo. Come cita il titolo originale del romanzo, “Broken” (che personalmente avrei mantenuto), Paul è un ragazzo dall’animo spezzato, cova dentro di sé tanta rabbia per ciò che ha vissuto, si sente morto dentro e si butta nell’alcol per stordirsi e sfuggire alla realtà delle cose, ritiene di non essere degno di essere sopravvissuto, mentre i suoi compagni sono tutti morti; è solo perché vuole essere solo, non perché la gente lo evita, ma perché non vuole avere compassione da nessuno.



«Tutto quello che vorrei è scivolare nel nulla e non tornare più indietro»


Rifiuta ogni genere di aiuto e fa scappare tutte le assistenti inviate dal padre che ora, esasperato dall’atteggiamento del figlio, lo pone di fronte ad un ultimatum: accettare e mantenere per almeno tre mesi la presenza della prossima persona che verrà a prendersi cura di lui e aiutarlo a riprendere in mano la sua vita, o dovrà dire addio alla casa in cui vive e agli assegni di mantenimento mensili; e siccome Paul non può rinunciare a quei soldi necessari a pagare le cure per il cancro della figlia del suo miglior amico morto in guerra, è costretto ad accettare il patto. 

Nel momento in cui Olivia e Paul si trovano l’uno di fronte l’altro, si manifesta un’attrazione magnetica cui, ovviamente, sarà impossibile resistere!



«Non l’ho ancora neanche visto bene e sono già a 15 secondi dal chiedergli se la sua discendenza vorrebbe prendere residenza nel mio utero» 


Olivia non è affatto la classica ragazzina ricca e viziata, tutt’altro! Si è rivelata un personaggio audace, irriverente e coraggioso, l’incontro con Paul le ha fatto tirar fuori un bel caratterino che lei stessa non pensava di avere; sa tenergli testa e sa che l’unico modo per riuscirci è spiazzarlo, fare o dire ciò che non si aspetta.




Paul, dal canto suo, si mostra ostile e cerca in tutti i modi di scoraggiarla, ma pian piano accoglie la presenza di questa ragazza, che diventerà ossigeno per lui e l’unica speranza di uscire dal tunnel di distruzione in cui ha deciso di rimanere. Una lettura piacevole e scorrevole, che alterna i POV dei due protagonisti principali permettendo di vivere la vicenda da entrambe le parti. Traspare tutta l’amarezza di Paul che si comporta come un animale ferito pronto all’attacco, un cavernicolo scorbutico, ostile e acido che Olivia riuscirà ad ammansire con la sua naturalezza. Batticuore, passione, tristezza, tenerezza, lacrime e sorrisi mi hanno accompagnato attraverso questo romanzo che consiglio di leggere, per passare qualche ora piacevolmente immersi nel mondo di questi due giovani ragazzi feriti dentro e che sapranno guarire insieme.


Nessun commento:

Posta un commento

Il Blog si nutre dei vostri commenti, quindi se vi fa piacere lasciateci il vostro pensiero riguardante l'articolo. E se avete gradito quello che avete letto, condivideteci 💓 e clicca su G+