.

.

sabato 20 ottobre 2018

Segnalazione Made in Italy -->> Alessio Biondino, Arianna Venturino, Lucilio Santoni, Maria Caterina Basile e Nicola Pecci


Ciao carissimi amici,

oggi per la nostra rubrica settimanale Made in Italy abbiamo come ospiti: Alessio Biondino, Arianna Venturino, Lucilio Santoni, Maria Caterina Basile e Nicola Pecci.

Vi lascio in compagnia delle loro opere.

Buona lettura e alla prossima amici miei!


Titolo: La suocera sul petto e altre storie vere
Autore: Alessio Biondino
Genere: Racconti
Data di uscita: 20 settembre 2018
Editore: Ianieri Edizioni
Prezzo: € 13,50 cartaceo
Pagine: 112

La suocera sul petto e altre storie vere è un album di vicende realmente accadute, che hanno ispirato il racconto di quegli attimi di ordinaria quotidianità in cui c’è bisogno immediato di una mano tesa.
La suocera sul petto è l’insolita metafora della vita, di ciò che da un momento all’altro può renderla assai complicata o metterla a rischio: con leggerezza e ironia, Biondino narra quelle situazioni in cui la solidarietà si ritrova, naturalmente, a sgorgare.
Un libro delicato e profondo, che ricorda a tutti – con un sorriso realista – la fragilità della condizione umana, da cui nessuno può prescindere, ma che è comunque, sempre, occasione di incontro e di scoperta.

Autore:
Alessio Biondino (Roma, 1978), infermiere con il vizio dello scrittore. Lavora soprattutto nell’ambito dell’assistenza domiciliare a malati complessi. Nel 2014 ha pubblicato il romanzo Buonanotte, madame, ispirato al suo percorso assistenziale vissuto assieme a una paziente malata di SLA. Dal  016 collabora con la rivista «Nurse Times».




Titolo: Ti vengo a prendere
Autore: Arianna Venturino
Genere: Narrativa
Data di uscita: 24 agosto 2018
Editore: Letteratura Alternativa Edizioni
Prezzo: € 11,90 cartaceo


Rebecca è costretta ad una vita di sacrifici per colpa del suo passato, per colpa di sua madre che era una prostituta alcolizzata e di suo padre che era troppo impegnato per riconoscerla come figlia. Con i capelli lunghi, scuri e sempre spettinati, fa un lavoro che non le permette di mantenere la casa dove abita insieme ai nonni.
Marco invece, a seicento chilometri di distanza da lei, conduce una vita da normale ragazzo universitario, si, ma con una sofferenza che lo spinge a pensare di porre fine a tutto il dolore.
Un social network li fa conoscere ma senza avvicinarli mai davvero. Dopo un po’ di tempo, Rebecca trova il coraggio di scrivere a Marco. In men che non si dica, si ritrovano in stazione a cercare ogni volta di darsi quel bacio in più prima di dividersi.
Quando la vita di Rebecca arriva al capolinea totale, fa scelte che la conducono a fare gli stessi errori di sua madre.
Grazie all’aiuto della sua migliore amica, Marco viene a sapere di ciò che la sua fidanzata sta facendo a se stessa e molla tutto partire e andare salvarla. La ritrova però in uno stato che non si sarebbe aspettato. Alla fine se la porta via con la forza dell’amore.

L'autrice:
Arianna Venturino nasce a Paola (CS) il 3 settembre del 1996.Vive ad Asola (MN) da quando ha quattro anni. Hair stylist di professione. Ha sempre amato la lettura, la definisce “un viaggio dove i sogni prendono vita e dove tutto può succedere”, i libri per Arianna sono magici.Ha iniziato a scrivere nel gennaio 2017 per sfogo personale e da lì è nato il suo primo libro “Senza più paura”.
A maggio 2018 pubblica in self publishing un libro di frasi e poesie dal titolo “Una raccolta di emozioni”.Scrivere, per lei, è rinascita.Utilizza i social per condividere i suoi pensieri, pensieri in cui la gente si rispecchia e si riconosce e questo è uno stimolo importante per proseguire la strada della scrittura. Ama arrivare al cuore di chi legge le sue frasi e questo le basta.



Titolo: Dal mare l'amore
Autore: Lucilio Santoni
Genere: Racconto
Data di uscita: 20 settembre 2018
Editore: Ianieri Edizioni
Prezzo: €12,00 cartaceo
Pagine: 88

Una favola per tutti, adulti e ragazzi. Una storia d’amore oltre le barriere e le differenze, fra un Pescatore e una Sirena. Intorno ad essi girano personaggi straordinari ma anche quotidiani, che esprimono l’eterno conflitto fra luce e tenebre, che si misurano con Dio, con l’altro, con il mistero, con il fondo dell’essere, con gli enigmi del tempo, le profondità marine, l’ignoto, l’infinito, la paura e, soprattutto, il desiderio. Il tutto affidato al potere dell’immaginazione e al grande valore di  liberazione che può raggiungere la parola.
Partendo da un racconto di Oscar Wilde, Lucilio Santoni opera quello che in musica si chiamerebbe un “completo riarrangiamento”, al fine di adattare la narrazione ai nuovi gusti del lettore moderno. Il risultato è ancor più piacevole e interessante dell’originale, poiché riesce a trascinare il lettore verso territori inediti dove la fantasia alimenta la capacità di pensare e di vivere.

Autore:
Lucilio Santoni è scrittore e traduttore. Dirige varie rassegne e festival culturali. Ama la poesia e l’anarchia.
La sua recente pubblicazione E poi libri, e ancora libri (da Federico García Lorca) è stato un successo editoriale.




Titolo: Nostalgia di Cartapesta
Autore: Maria Caterina Basile
Data di uscita: 20 settembre 2018
Editore: Gruppo Editoriale Alter Ego
Prezzo: € 9,90 cartaceo
Pagine: 82

Salvatore ha raggiunto i trent’anni e il fulcro della propria esistenza si trova in via Arte della Cartapesta, nel cuore di Lecce. La toponomastica non è casuale: lì si trova la bottega dello zio, mastro cartapestaio che per il ragazzo è a tutti gli effetti un vero padre. Quello reale fa parte di un quadro familiare difficile, dove spicca la presenza di un fratello schiavo della tossicodipendenza.
In quel mondo semplice e artigianale, a contatto con lo zio, Salvatore si è rifugiato per anni senza riuscire mai a spiccare il volo agli occhi del resto della famiglia e di una società frenetica che mette le apparenze al primo posto. Un nuovo arrivo in città gli permette di guardare al futuro con rinnovata fiducia, per cercare di raggiungere un equilibrio tra la propria forte interiorità, scossa dalle avversità della vita, e la leggerezza necessaria per apprezzare la semplicità delle cose belle.

L’autrice:
Maria Caterina Basile è nata a Taranto nel 1981. Dopo aver conseguito la maturità classica, si è laureata in Lingue e Letterature Straniere all’Università del Salento. Le sue liriche sono apparse su diverse antologie e sulla rivista Gradiva. International Journal of Italian Poetry (Stony Brook, 2011).
È autrice di Timothy Leary. La religione della coscienza dalla rivoluzione psichedelica ai rave (Alpes Italia, 2012) e di Vita di paese (Nulla Die Edizioni, 2017). Attualmente vive in provincia di Lecce.



Titolo: Pietro Pan. Memorie di un perdigiorno
Autore: Nicola Pecci
Genere: Romanzo
Data di uscita: 20 settembre 2018
Editore: Ianieri Edizioni
Prezzo: € 14,00 cartaceo
Pagine: 160

Sognatore perdigiorno o talento incompreso? Pietro Pandolfi, in arte Pietro Pan, 45 anni suonati, è convinto di aver scritto almeno cinque capolavori della musica italiana. Eppure non se n’è ancora accorto nessuno. Per questo odia tutto e tutti, ma forse è solo indifferenza. L’incontro con Lana – una sedicenne anticonformista che si lega a lui come a un fratello maggiore folle e incosciente – e la ricezione di una lettera postuma della sua amata nonna – che lo sprona, finalmente, a diventare adulto – sconvolgono la sua esistenza fatta di espedienti. Pietro coinvolge allora Lana in un viaggio improvvisato e illegale verso Londra, tra autostop, furti subiti e incontri pericolosi, in cui proverà a realizzare il suo sogno improbabile e romantico.
Pietro Pan. Memorie di un perdigiorno è un’avventura on the road divertente e profonda, perché quando scopriamo di essere responsabili dei sogni delle persone che ci amano, allora, forse, cominciamo a crescere un po’.

"Essere un perdigiorno non è mica facile bisogna impegnarsi molto a svuotare le pagine riempire le ore le ore le ore di inutilità dormire quando tutti sono fuori a cercare le verità."

Autore:
Nicola Pecci è un attore e cantautore pratese. Ha pubblicato il disco Dago - Nessuna pietà con i testi di Marco Vichi, duettando con le voci di Piero Pelù, Stefano Bollani, Ginevra Di Marco, Cisco. Il suo primo da solista, Il solo modo per essere felice, contiene il singolo 1982 nato da un inedito di Sergio Endrigo.
Ha interpretato Francesco Nuti nello spettacolo Francesco Nuti - Andata, caduta e ritorno per la regia di Valerio Groppa. Pietro Pan. Memorie di un perdigiorno è anche un disco, pubblicato nel 2018 per l’etichetta Vinile Records.


Nessun commento:

Posta un commento

Il Blog si nutre dei vostri commenti, quindi se vi fa piacere lasciateci il vostro pensiero riguardante l'articolo. E se avete gradito quello che avete letto, condivideteci 💓 e clicca su G+