.

.

lunedì 5 settembre 2016

Recensione in Anteprima "A Torch against the Night" di Sabaa Tahir

Ciao carissimi amici,

oggi vi parlo del sequel di ''Il dominio del fuoco'', pubblicato il 30 agosto in lingua originale con il titolo A Torch against the Night, e in arrivo dopo l'estate grazie alla Casa Editrice Nord con il titolo "Una fiamma nella notte". Siete curiosi di sapere cosa succederà ad Elias e Laia? Sabaa Tahir ha ben saputo come farci soffrire. Vi lascio in compagnia della recensione e di alcuni teaser.

Buona lettura!




Titolo: A torch against the night #2 Il dominio del fuoco
Autore: Sabaa Tahir
Genere: YA Fantasy
Data di uscita: 30 agosto 2016 USA
Pagine: 464


Dopo gli eventi della quarta prova, i soldati marziali sono alla caccia dei due fuggitivi che fuggono dalla città di Serra e intraprendono un pericoloso viaggio attraverso il cuore dell'impero. Laia è determinata a sfondare nel Kauf - la prigione più sicura e pericolosa dell'Impero - per salvare il fratello, che è la chiave per la sopravvivenza del suo popolo. Ed Elias è determinato ad aiutare Laia avere successo, anche se questo significa rinunciare alla sua ultima possibilità di libertà. Ma forze oscure, umane e ultraterrene, lavorano contro Laia ed Elias. La coppia deve combattere ogni passo del cammino per superare in astuzia i nemici: il sanguinario imperatore Marcus, la comandante spietata, il sadico Warden di Kauf, e, cosa più straziante di tutto, Helene - ex amica di Elias e la nuova sanguinaria dell'Impero. Vincolata alla volontà di Marcus, Helene si trova di fronte ad una missione tortuosa - una che potrebbe distruggerla: trovare il traditore Elias Veturius e la schiava che lo ha aiutato a fuggire ... ed ucciderli entrambi.


La serie ''Il dominio del fuoco'' è così composta:


1. Il dominio del fuoco - 8 ottobre 2015
2. A torch against the night - 30 agosto 2016 USA (inedito)
3. Senza titolo - anno 2018
4. Senza titolo - anno 2019





Fino a quando c'è vita, c'è speranza.




Non so letteralmente da dove iniziare a recensire questo libro, ho così tanti pensieri per la testa e così tante emozioni che rischierei di fare un macello, proprio come Sabaa ha fatto con me. Lo dico subito: io AMO questa donna, amo quello che è riuscita a fare, amo il modo in cui ha giocato con i miei nervi, con il mio mal di stomaco e persino con la mia ansia e angoscia. Dovrei odiarla per tutti questi sentimenti, ma era quello che volevo; desideravo una storia completa, una storia piena di tutto, una storia che mi sorprendesse. Così come nel primo libro, anche qui non sono riuscita a staccarmi, leggevo ancora e ancora e volevo di più e molto di più. Sono rarissimi i libri di cui non ne hai proprio abbastanza, di cui vuoi leggere anche le cose più insignificanti. Quando all’inizio scoprì che Sabaa aveva deciso di aggiungere altri due libri, oltre a questo, ho pensato che non ce n’era alcun bisogno, ma durante la lettura e dopo averlo finito non potevo non concordare con lei: non potrò mai averne abbastanza di Elias Veturius. Eh si, in questo libro è lui il personaggio più bello, coraggioso, fantastico, meraviglioso e ahhhh (continuate pure, io non potrei mai definire appieno la bellezza di questo personaggio). Per chi non ha letto il primo libro ed è particolarmente sensibile agli spoiler consiglio di non leggere la recensione, dovrò per forza far riferimento a qualche avvenimento del primo libro. Vi ricordate il finale di ‘’Il dominio del fuoco’’? Elias e Laia scappando da Blackcliff con le Maschere e la Comandante alle calcagna. Elias vuole essere libero e Laia ha bisogno di lui per liberare suo fratello Darin dalla prigione di Kauf. Helene è diventata la mano sanguinaria di Marcus, il nuovo imperatore, e il suo nuovo compito è quello di catturare ed uccidere Elias. Questi sono i pilastri principali della storia, intorno ai quali si girerà tutto portando con sé nuove scoperte e nuove complicazioni. Sabaa, diversamente da molte scrittrici di questo genere letterario, non si concentra solo sull’azione e nel portare più cose bizzarri possibili, ma cerca di sviluppare e trattare molto attentamente il percorso psicologico di tutti i suoi personaggi. Elias dovrà combattere con il suo senso di colpa – se ben vi ricordate nel primo libro, durante la terza prova si è trovato costretto ad uccidere persone importanti per lui. Qui Elias dovrà fare i conti con quello che è successo e trovare la pace con se stesso. Laia, dall’altra parte, per poter salvare suo fratello, dovrà diventare più forte e si troverà costretta a prendere delle decisioni difficili e non sempre saranno le scelte giuste da fare. E come se non bastasse si troverà divisa tra Elias e Keenan.


Guardo attraverso il fuoco e nei suoi occhi oro scuro, il modo in cui ho cercato di non fare per giorni. Quando lo faccio, mi ricordo perché non avevo guardato: Il fuoco in lei, la ferrea determinazione - parla a qualcosa nel mio profondo, a qualcosa in gabbia e disperato di essere LIBERO.




Con Elias c’è un legame particolare che riesce ad attrarli senza che loro ne siano consapevoli, è qualcosa di magico e speciale. Quando leggi i momenti tra Elias e Laia senti che loro due insieme sono giusti e, nonostante tutte le circostanze in cui si troveranno e nonostante le loro scelte, senti che sono destinati a stare insieme, che fanno parte della stessa medaglia. Dall'altra parte c’è Keenan, il ribelle della Resistenza che fa di tutto pur di proteggere Laia. In questo libro Laia si avvicinerà ancora di più a Keenan, si sentirà protetta da lui. Anche l’attrazione tra Keenan e Laia è molto forte e in un certo punto del libro i dubbi se Laia finirà per innamorarsi di Elias o di Keenan diventano ancora più forti.


Io so cosa significa perdere chi ami. Ho insegnato a me stesso di non provare niente. Per così tanto tempo fino a quando non ho incontrato te...




A Sabaa non bastava solo un triangolo ma voleva proprio farci soffrire creando un’altra complicazione. Non mi sono dimenticata di certo di Helene, innamorata com'è del mio Elias. Inutile dirvi che per la maggior parte del libro ero gelosa di Helene e non volevo assolutamente che Elias pensasse a lei. Ma purtroppo era inevitabile!! Per Elias, Helene ha un ruolo molto importante, è la sua mia migliore amica e nonostante tutto quello che è successo avrà sempre un posto speciale nel suo cuore. Helene, invece, dovrà combattere tra il suo dovere di mano sanguinaria e il suo amore per Elias. Mettendo da parte la mia gelosia, devo ammettere che Helene è una donna forte e combattiva, non si lascia abbattere dalle tante difficoltà e durante tutto il libro la sua ragione e il suo cuore si metteranno in tantissime dure prove.


Voglio andare giù da lei, ad afferrarla in un forte abbraccio e dimenticare che siamo nemici.





Non posso di certo dimenticarmi della più odiosa e spietata di questa saga: Keris Veturia, la madre di Elias. Lei sarà la mano che creerà tutto il macello in questo libro, giocherà con tutti i personaggi con i suoi piani di vendetta e di potere. Non pensavo che la si potesse odiare di più, ma ecco che l’odio per questa donna orribile non conosce confini. Sabaa, oltre ai personaggi che già abbiamo avuto modo di conoscere, introduce altri nuovi e sviluppa quelli che abbiamo conosciuto solo marginalmente nel primo. Il libro è ricco di descrizioni dettagliate, ricco di strane creature, di ambientazioni. Nel viaggio di Laia e Elias attraverseremo deserti, foreste e luoghi magici. Con la sua ricca e passionale scrittura Sabaa ci immerge in un mondo buio, incantevole, un mondo che spesso ti mette i brividi ma che allo stesso tempo ti affascina, ti incuriosisce. In ogni singola pagina la tensione e l’ansia crescono man mano che la storia si evolve. Sei lì con Elias e Laia che cerchi di arrivare alla prigione di Kauf per liberare Darin, poi ti trovi ad essere con Helene che cerca di catturare Elias e allo stesso tempo di sopprimere i suoi sentimenti per lui, sei lì ad avere paura per quello che può succedere, perché una cosa è sicura: in questo libro tutto può succedere. I personaggi non sono perfetti ed è questo che li rende più reali e toccabili. Ho amato ciascuno dei personaggi proprio per la varietà che offrono, per non essere noiosi e per il fatto che ognuno di loro ha qualcosa di importante da dirti. Si, ci sono stati momenti in cui volevo strappare i capelli a Laia per essere a volte molto stupida, ma il suo percorso di crescita era necessario, doveva a volte essere debole per poi pian piano rialzarsi e prendere il controllo della sua mente e della sua volontà. Anche se ho odiato Helene per la maggior parte del libro alla fine non potevo non avvicinarmi pure a lei e comprenderla meglio.




Di Keenan invece decido di non dirvi niente, solo che ha qualche sorpresina da regalarci. Infine, Elias, ahhhhhh, il mio amore è assolutamente perfetto, perfetto e di nuovo perfetto; lui è coraggioso, leale, è quel tipo di persona che sei sicura che farà sempre la cosa giusta e che riuscirà a trovare una soluzione, in poche parole è il tipo di persona che vorresti avere sempre accanto.


L'intensità del suo sguardo pallido mi fa balbettare il cuore, ma non permetto a me stessa di guardare altrove. C'è una solitudine in lui che mi fa stare male.




La mia sfortuna era che nessuna delle mie amiche lo stava leggendo e non sapevo neanche con chi sfogarmi, quindi ero costretta a limitarmi ai messaggi inviati alla mia collega Rossella che contenevano solo: Oh mio dioo, oh cavolo adesso si mette male, IO ODIO SABAA, IO AMO SABAA. Quando ho finito il libro mi sono trovata a controllare se c’era qualche altra pagina nascosta, non volevo che finisse, volevo leggere ancora e ancora di più. Sabaa sa come raccontare le storie, sa come farti coinvolgere completamente, sa come affascinarti e io sono certa che con uno stile di scrittura come il suo sarebbe capace di farti appassionare con qualsiasi pezzo di racconto decidesse di offrirti. Consiglio ad occhi chiusi questi libri; se non avete letto il primo fatelo subito!


<<Hai mai sentito parlare di una storia d'avventura con un piano sensato?>>
<<Beh.. no.>>
<<E perché pensi che sia così?>>
Mi sento persa. <<Perché.. ah, perché->>
Lei ride di nuovo. <<Perché i piani sensati non funzionano mai, ragazza,>> dice. <<Solo quelli pazzi.>>







Nessun commento:

Posta un commento

Il Blog si nutre dei vostri commenti, quindi se vi fa piacere lasciateci il vostro pensiero riguardante l'articolo. E se avete gradito quello che avete letto, condivideteci 💓 e clicca su G+