.

.

martedì 14 marzo 2017

Recensione "Golden Son. Il segreto di Darrow" di Pierce Brown

Ciao a tutti carissimi,
oggi la nostra Stella ci parla del secondo volume della serie Fantasy/Distopica Red Rising. Golden Son. Il Segreto di Darrow di Pierce Brown è uscito il 14 Febbraio per la Collana Omnibus grazie alla casa editrice Mondadori.
Buona lettura!



Titolo: Golden Son. Il segreto di Darrow
Autore: Pierce Brown
Genere: Distopico/Fantasy
Editore: Mondadori
Collana: Omnibus
Pagine: 468
Prezzo: € 18,92 (cartaceo) - € 9,99 (ebook)
Uscita: 14 febbraio 2017

Come la sua gente, i Rossi, Darrow è stato un minatore costretto a scavare nelle profondità del pianeta Marte a temperature intollerabili. Per dare una nuova terra alle future generazioni, credeva lui. Ma la Società che serviva l'ha tradito, nella maniera più crudele. Gli ha portato via la sua innamorata, Eo, e si è rivelata per quello che è, una casta di privilegiati che vivono di bugie e sopraffazioni. La decisione più difficile e pericolosa è ora alla sua portata: infiltrarsi tra gli Oro e diventare uno di loro, per riscattare il sacrificio di Eo e dei suoi, per portare il proprio popolo alla liberazione. "Golden Son" è il secondo volume della saga.


Red Rising è così composta:

(Red rising #1) Red Rising. Il canto proibito
(Red rising #2) Golden son. Il Segreto di Darrow
(Red rising #3) Morning star
Miei cari lettori, è con l’adrenalina che ancora mi scorre nelle vene che oggi voglio parlarvi di Golden Son, un Distopico con la D maiuscola che senza alcun dubbio, annovero ufficialmente tra i più bei libri del 2017! Le ore di lettura di questo libro le ho passate tra occhi lucidi, che si alternano a cuore a mille e fiato sospeso. Se avessi potuto gridare in alcuni momenti, credetemi, lo avrei fatto! Ma vi ricordate dove eravamo rimasti con Red Rising?



Avevamo lasciato un Darrow trionfante alla fine del romanzo; il Mietitore ( soprannome guadagnato all’Istituto) ha cominciato a muovere i decisivi passi per compiere l’agoniata vendetta contro l’ArciGovernatore di Marte Nerone au Augustus. Sono passati ormai quattro anni da quando Darrow era solo uno sparuto SubInfero Rosso, quattro anni da quando fu ingaggiato dai Figli di Ares per spodestare la bramosa tirannia degli Oro. Darrow, ora ventenne e fresco di Accademia militare, ragiona, parla, agisce e combatte come un Oro a tutti gli effetti. Nonostante il suo piano stia filando liscio, un errore di valutazione lo metterà in cattiva luce agli occhi di Nerone, che lo aveva scelto come suo favorito e lancere della sua casata. Respinto e rifiutato, Darrow tenta di riconquistarlo per via traverse. Queste vie buie lo porteranno a incrociare il cammino del famigerato Sciacallo, un Oro che avevamo brevemente scorto alla fine di Red Rising. Con l’astio che lo Sciacallo nutre per l’ArciGovernatore, Darrow tesse così la sua tela di intrighi, che pesano sul suo cuore ma che sono necessari allo scopo. Un cuore tormentato da una tempesta che lo fa oscillare tra il senso del dovere verso il suo popolo e i profondi sentimenti che prova per Mustang, la bella Oro che lo aveva affiancato all'Istituto e scaldato il cuore dopo tanto dolore. In sua presenza però, le sue fragilità si fanno più evidenti, le sue menzogne più pesanti, ed è per questo che, non potendo permettersi il lusso di esitare, Darrow decide di allontanarla. Lui sa di aver fatto la cosa giusta, almeno finché, ad una serata di Gala degli Oro nella quale avrebbe dovuto attuare il piano dei Figli di Ares, non la rivede, più bella che mai, al braccio dell'ultima persona che si sarebbe mai aspettato: Cassio au Bellona, il suo ex compagno di Istituto che aveva considerato come un fratello,ora diventato uno spietato e vendicativo nemico e grande favorito della Sovrana della Società, Ottavia au Lune. Cosa ha spinto Mustang a buttarsi tra le braccia di Cassio? Perchè la Sovrana ha scelto proprio lui come favorito, sapendo quanto la famiglia Bellona e la famiglia Augustus sono acerrime nemiche? Motivo in più per tenere d'occhio anche la Sovrana... una donna che riserverà molte sorprese e che Darrow non deve assolutamente sottovalutare... In quella notte di abiti eleganti e scontri mortali, inizia la vera guerra per il potere e per la vita. Un turbinio di morti, rivelazioni e colpi di scena si abbatterà su Darrow; coraggio, giustizia, amore, amicizia e infamia, accompagneranno il suo cammino verso un destino oscuro, in cui la vendetta che tanto brama e il segreto che custodisce il suo cuore non avranno certo vita facile...



Per citare la parlata tipica dei Rossi da cui proviene Darrow: quanto “stramaledettamente” bello è Golden Son?! Dalla scrittura frizzante, intensa e appassionata, sino a giungere allo sviluppo della storia e dei personaggi, questo romanzo distopico ha letteralmente rapito il mio cuore, divorandolo e lasciandolo a brandelli! So che può sembrare esagerato questo mio entusiasmo, ma Golden Son è uno di quei libri che entra sottopelle e non se ne va più. Pierce Brown con un colpo da maestro ha alzato moltissimo di livello una storia già di per sè molto originale. Il connubio tra gli antichi fasti greco-romani e la fantascienza delle ambientazioni spaziali, rimane anche in questo libro la linea guida della storia, al quale si aggiungono tinte ancora più fosche e crude. Oltre al pianeta Marte, in Golden Son scopriamo le ambientazioni più eteree della Luna, sulla quale è situato il palazzo della Sovrana, e assistiamo anche a veri e propri sconti in pieno spazio. La visuale quindi si estende ed arricchisce il racconto, offrendo al lettore nuove prospettive. L’evoluzione dei personaggi è un aspetto a cui tengo particolarmente quando mi cimento nella lettura, e in questo caso Pierce Brown ha ampiamente soddisfatto e superato le mie aspettative! Sia i personaggi principali, che quelli secondari sono ben caratterizzati e la loro psicologia è accurata e sempre nuova.



Darrow, che in Red Rising è guidato solamente da una cieca rabbia, in Golden Son si trasforma nuovamente, diventando molto più maturo, accorto, sicuro di sè e sfrontato. Il modo di agire e ragionare degli Oro ormai non ha più alcun segreto per lui, ed è molto più consapevole della responsabilità di cui si è fatto carico e che grava sulle sue spalle. È il perfetto mix di Rosso e Oro e io, beh, non ho potuto fare a meno di innamorarmi di lui! Un eroe distopico che va a prendere posto tra gli “uomini di carta” che mi hanno conquistata! Scaltrezza e genialità si uniscono al grande cuore giusto e generoso di questo ragazzo che ha fatto del dolore la sua arma più tagliente e letale. Grazie al suo spirito Rosso è capace di vedere al di là delle differenze sociali, crede nell’uguaglianza tra esseri umani e disprezza la Società, dove i Colori sono una mera scusa dei privilegiati Oro per potersi porre in cima alla piramide sociale e poter sterminare e schiavizzare a loro piacimento i Colori inferiori che osano ribellarsi. È consapevole del fatto che per un bene superiore, è necessario reggere il gioco degli Oro e intanto indurli a confrontarsi e scontrarsi fra loro. Ad accompagnare Darrow in questa lotta contro un potere soffocante c’è il più pazzo e atipico tra gli Oro: Sevro, suo compagno d’Istituto e capo dell’esercito degli Ululanti. Fedele e leale fino al midollo, Sevro con la sua insolenza, il linguaggio volgare (atipico per un Oro) e l’irruenza, si rivela essere una vera ancora di salvataggio su cui Darrow sa di poter contare anche fino alla morte. Sevro è quel tipo di personaggio che in una storia così forte come questa, riesce a stemperare la tensione con le sue battuttacce inopportune ma assolutamente spassose!

Una fame a lungo repressa si risveglia dentro di me. Mi riempie di fuoco, di un dolore bramoso. Per lei. Per tutto di lei. Dimentico ogni freno. Dimentico la mia tristezza.... Non scapperò. Non questa volta.

Le tematiche sociali vengono affiancate in questo romanzo dai sentimenti, ed ecco che qui entra in gioco Mustang: tanto bella quanto intelligente e dai saldi principi. È una giovane donna forte, determinata e con un grande senso del dovere e della giustizia.Con il suo lato ribelle e appassionato, Mustang rappresenta la rinascita dell’amore per Darrow, dopo la tragica morte della sua amata Eo, chè comunque ricorda sempre con molta tenerezza. Non c'è nemmeno bisogno che vi dica quanto ho “shippato” Darrow e Mustang vero?! I momenti che li vedono vicini nel corso della storia, nonostante le barriere emotive che nel tempo hanno innalzato, sono momenti fatti di fragilità, sofferenza, ma anche intenso amore, pieno di passione e dolcezza. Mustang sa far tremare il cuore di Darrow in un modo differente da quello di Eo, ma sicuramente non meno forte. Il suo carattere deciso e sicuro, complementare al suo, la rende a mio parere, la sua perfetta metà. Il loro rapporto spesso conflittuale mai smielato o sdolcinato, è di quella rara bellezza che ha fatto palpitare il mio cuore e in alcuni momenti mi ha fatto sentire una vera “fangirl”!



La bellezza di questo romanzo risiede nel suo essere continuamente una sorpresa. Non c’è nulla di scontato o prevedibile. Le certezze e le teorie possono crollare in qualsiasi momento, perciò, state allerta!

Questa vita mi piace. Non importa la mia riluttanza a recitare il ruolo di un Oro... una parte di me è come loro. Forse sono nato per essere due Colori.

E come si poteva concludere questo romanzo se non con un finale shockante in pieno stile “Trono di spade”? Già, da grande fan della serie tv, sul finale ho provato le stesse sconvolgenti emozioni che mi hanno fatto trattenere il respiro davvero tanto, tanto a lungo! Un finale decisamente sospeso e sconcertante che mi ha fatto desiderare ardentemente di avere tra le mani il terzo e conclusivo capitolo della serie, Morning Star, e che spero la Mondadori porti al più presto in Italia! Il mio fragoroso applauso virtuale è tutto per Pierce Brown e al suo genio, che é stato capace di creare un universo unico e ricco di dettagli, accompagnato da uno stile narrativo moderno e al contempo ricercato. Il ritmo del racconto, rispetto a Red Rising, è molto più incalzante, serrato e coinvolgente, anche nelle violente e spettacolari scene di guerra che accrescono la potenza di questa storia. È davvero difficile, fortunatamente, trovare difetti a questo romanzo, salvo qualche piccolo refuso; perciò, se siete rimasti affascinati da Red Rising, ora vi consiglio vivamente di correre come fulmini a leggere Golden Son, dal quale non si può che rimanerne completamente ammaliati ( oltre che molto sconvolti!). Quindi, non mi rimane che concludere il mio entusiastico elogio con il mio evidentissimo giudizio a pieni voti! Condannato a vita!




Nessun commento:

Posta un commento

Il Blog si nutre dei vostri commenti, quindi se vi fa piacere lasciateci il vostro pensiero riguardante l'articolo. E se avete gradito quello che avete letto, condivideteci 💓 e clicca su G+