.

.

venerdì 29 settembre 2017

Recensione "Regalami una stella" di Katie Khan

Cari amici lettori,

oggi la nostra Stella ci parlerà di Regalami una stella di Katie Khan, uscito il 31 Agosto grazie alla casa editrice Newton Compton Editori. Siete pronti ad avventurarvi nello spazio tra la magia delle stelle? Seguitemi e scopriamo insieme cosa ci attende.

Buona Lettura!




Risultati immagini


Titolo: Regalami una stella
Autrice: Katie Khan
Genere: Fantasy Romance
Pubblicazione: 31 Agosto
Editore: Newton Compton Editori

Niente al mondo potrà dividerli



Allontanatisi dalla loro astronave e ormai fluttuanti nello spazio, Carys e Max si rendono conto che non riusciranno più a raggiungerla. Con sè non hanno niente che possa salvarli. Hanno solo novanta minuti d'aria a disposizione. Carys e Max non avrebbero mai dovuto innamorarsi. Le regole del mondo da cui provengono non lo permettono. Eppure, quando ha incontrato Carys, Max ha sovvertito quelle regole. Pur sapendo che sarebbe stato impossibile rimanere insieme per tanto tempo. Che amarsi realmente non sarebbe stato loro concesso. Ora, alla deriva e senza più niente che li trattenga se non il reciproco contatto, non possono fare altro che ricordare. E allora, mentre i minuti scorrono inesorabili, nei loro pensieri rivive ogni istante della loro indimenticabile storia d'amore...







Cari lettori, scrivo questa recensione con una sensazione di vuoto nel petto dove prima c’era il mio povero cuore che, dopo l’ultima poetica frase di questo romanzo, ne è uscito distrutto in mille pezzi. Eh si, perchè Regalami una stella è uno di quei romanzi struggenti e un pç cupi che fanno tanto riflettere sulla vita, ma che aggrediscono i dotti lacrimali senza pietà! Vi avverto ragazzi che qui si piange proprio tanto, o almeno per me è stato inevitabile. Quando ho letto la trama di questo romanzo, sono rimasta subito affascinata dalla combinazione dell’ambientazione spaziale e della storia d’amore che lega i protagonisti Carys e Max, ma non ero pronta ai momenti sorprendenti che poi ho incontrato durante la lettura e che mi hanno completamente spiazzata. 



Il romanzo si apre proprio nello sconfinato e nero spazio, dove Carys, giovane e talentuosa pilota di shuttle e Max, appassionato cuoco e neo astronauta incaricato dall'agenzia spaziale di compiere ricerche su elementi minerali extraterrestri come alternativa risorsa alimentare, si ritrovano dopo un brusco incidente che ha visto il loro shuttle Laerte impattare con un campo di asteroidi. Nel mondo futuro infatti, la terra ha subito gravissimi danni tra guerre e piogge di meteoriti, uscendone in gran parte devastata e circondata da questo impenetrabile anello di asteroidi che quasi la rende una prigione per l’umanità. Carys e Max tenteranno di recuperare lo shuttle e tornare sulla Terra, ma l’infido tempo rema contro di loro: hanno solamente 90 minuti prima che l’ossigeno dei serbatoi delle loro tute spaziali si esaurisca... Novanta minuti in cui questa coppia di innamorati tenterà l'impossibile e ogni azzardo pur di salvarsi, e durante i quali rivivranno con i ricordi, ogni momento importante della loro ostacolata storia d'amore nata sulla Terra nel nuovo continente europeo rinato dopo la guerra, Europia (nome nato dall’unione delle parole Europa e utopia), e giunta fin lassù, tra le stelle e i pianeti. Una storia d'amore nata troppo presto secondo il Regolamento delle Coppie di Europia, che va contro ogni rigido dettame e i pregiudizi della gente, un amore che può distruggere ma anche salvare... 



Non è mai facile parlare di un libro capace di stravolgere emotivamente e che segna nel profondo. Un romanzo che unisce scienza, amore e quel pizzico di distopia che io apprezzo sempre. È una storia che viene raccontata in modo originale, che attrae e invoglia la curiosità del lettore dettando lo scorrere dei minuti in un conto alla rovescia, e nel momento di massima tensione emotiva, con un ottimo espediente narrativo ti fa sbarrare gli occhi per la sorpresa e porti mille domande; una curiosona come me non poteva che essere attratta da questo tipo di narrazione, fino a quando il gran finale non mi è piombato addosso facendo esplodere le mie emozioni. Carys e Max sono personaggi che pur con la loro semplicità, trasmettono tantissimo la componente emotiva del romanzo. Carys è una ragazza determinata, razionale, impavida, che ama il suo lavoro di pilota e nel quale da tutta se stessa; vive le sue emozioni con coraggio e con un’intensità ammirevole e al contempo struggente. È molto riservata E lascia poco spazio alla vita sociale, ma quando si innamora dona completamente cuore e anima. Max invece, provenendo da una famiglia molto ligia alle regole di Europia, ha a volte un atteggiamento un pò più scostante e impulsivo, ma che col progredire dei sentimenti che prova per Carys, farà l’impossibile per stare con lei e guadagnarsi il diritto di poter vivere appieno il loro amore. Mi ha molto impressionata il tipo di struttura sociale che Katie Khan ha creato per il suo romanzo. Un mondo quello di Europia, considerato “perfetto”, con una società basata sull’individualismo, dove ai cittadini viene proibito di instaurare relazioni amorose stabili e durature prima dei 35 anni, età secondo cui l’essere umano è emotivamente, psicologicamente ed economicamente più stabile. Per agevolare questo individualismo infatti, gli abitanti di Europia sono chiamati a trasferirsi ogni pochi anni nelle diverse regioni chiamate Voivodati, per instaurare nuovi rapporti sociali amichevoli tra la popolazione, ma mai troppo profondi; questo fino al raggiungimento dell'età matura in cui le coppie potranno formarsi e quindi trasferirsi insieme ad ogni Rotazione. Un sistema decisamente dittatoriale che mina l'umanità delle persone e che rappresenta una sfida importante per i nostri protagonisti, che comunque portano avanti la loro battaglia tra alti e bassi. 



Con la sua scrittura semplice ma incisiva, Katie Khan ci porta dritti nella vastità dell’universo, tra stelle cadenti, paura, amore e due anime coraggiose e appassionate che lotteranno sino alla fine per il loro amore e per l’umanità intera. Se deciderete di inoltrarvi nella storia di Carys e Max, assicuratevi di preparare a dovere il vostro cuore e di avere a portata di mano un bel pacco di fazzoletti, sono sicura che ne avrete bisogno! 




Nessun commento:

Posta un commento

Il Blog si nutre dei vostri commenti, quindi se vi fa piacere lasciateci il vostro pensiero riguardante l'articolo. E se avete gradito quello che avete letto, condivideteci 💓