.

.

martedì 27 marzo 2018

Recensione "Hard Love" di Nora Flite, #1 The Body Rock series


Cari amici lettori,

oggi vi parlo di HARD LOVE, il primo volume della serie Body Rock di Nora Flite, uscito il 22 marzo grazie alla Newton Compton Editori. Un romanzo bollente a ritmo di musica, che mi ha intrappolato tra le note poetiche di una bellissima storia d’amore.


Titolo: Hard Love
Autrice: Nora Flite
Editore: Newton Compton Editori
Genere: Contemporary Romance, New Adult
Uscita: 22 marzo
Pagine: 256
Serie: The Body Rock series #1


Conoscere Drezden Halifax avrebbe dovuto essere un sogno. Ma i sogni sono qualcosa di dolce e delicato, non mostri plasmati da dita ruvide e una voce così potente da farti attorcigliare lo stomaco. Forse anche il cuore. Diventare la chitarrista dei “Four and a Half Headstones” è ciò che ho sempre desiderato. Purtroppo, però, il cantante della band sta facendo tutto il possibile per distruggermi. Come se questo potesse aiutarlo a risolvere i suoi problemi.
Lola Cooper, maledizione. Accidenti a Lola Cooper. Doveva essere la chitarrista perfetta, la persona in grado di creare melodie dolcissime o ritmi incalzanti con il semplice movimento delle dita. Avrebbe dovuto salvare la band, renderci completi prima del tour... Invece voglio solo vederla soffrire. Nessuno ha il diritto di farmi sentire in questo modo. Mi basta uno sguardo, il semplice profumo dei suoi capelli, per scatenare in me il desiderio di averla. Mi fa un effetto che non so controllare. Voglio solo sentirla gemere: di passione o di paura, è uguale. Sono un mostro. E non mi importa.

La Serie Body Rock:

1. Hard Love
2. Slow Body Rock
3. Flawed Body Rock
4. True Body Rock




E sì, cari amici, questo libro mi ci voleva proprio. Da giorni ormai stavo vivendo il famoso “blocco del lettore” e non riuscivo proprio a venire fuori da questo tunnel infernale. Nemmeno rileggere libri che ho adorato è servito a destarmi da questo odioso stallo. Poi, di colpo, i miei occhi si sono posati sulla copertina di Hard Love e mi sono detta: “Dai provaci, dalla trama sembra carino anche se è un New Adult”. E così, mi ci sono avventurata. Dopo le prime cinquanta pagine, però, mi ci sono proprio catapultata, perché questo libro mi ha davvero rapita. Forse mi sto convertendo al genere New Adult? Beh, se le storie sono come questa, assolutamente sì!
Vi dico questo perché ho vissuto sulla mia pelle tutte le parole, i pensieri, le sensazioni e le emozioni dei due protagonisti, Drezden e Lola, avvolti da un incredibile tensione sessuale già dalle loro prime battute. Wow!!!! E ribadisco, Wow!!! Perché era da un pezzetto che non sentivo il famoso crepitío elettrico tra due ragazzi molto giovani. 



Drezden ha ventun’anni ed è una vera star del rock. Così giovane, è il leader della band "Four and a Half Headstones", è un ragazzo irascibile, molto lunatico, strafottente, padrone delle situazioni e capace di dominare i membri della sua band tanto quanto il pubblico di fans, che ipnotizza con molta facilità. Sa di essere un vero talento, e fa di tutto per salvaguardare la sua musica. Nessuno potrà mai mettere in pericolo la sua arte e tutta la fatica che ha fatto per arrivare fino a dove è arrivato adesso. Il destino, però, mette sulla sua strada una giovane chitarrista, Lola, che si presenta per un provino per entrare nella sua band. Lola è molto brava, tanto che convince tutti i membri della band e viene presa. Ed eccolo il punto di impatto di Drezden, perché quella ragazza dagli occhi celesti, diventa da subito il suo punto debole. Inizia a sentirsi confuso in sua presenza, perché Lola gli scatena qualcosa di nuovo dentro. Cerca in ogni modo di resistere a quelle sensazioni contrastanti che esplodono ogni volta che la vede: vuole averla, ma allo stesso tempo cerca di starle alla larga. 

"Non battè ciglio, come se guardarmi fosse l'unica cosa che avesse mai desiderato. L'unica cosa possibile."

Lola, dall’altra parte, subisce il fascino di Drezden. Sua fan accanita sin da adolescente, non le sembra vero essere prima chitarra dei Four and a Half Headstones. Di questo deve ringraziare suo fratello Sean, che l’ha spronata a provarci; ed è sempre grazie a lui che oggi Lola è quella che è. Quando però Lola inizia le prove per il tour, non riesce a controllare le sue emozioni proprio nell’essere vicino a Drezden. Lui la guarda mentre canta, quelle parole che fluttuano nell’aria sono per lei, e la rendono vulnerabile e impacciata, tanto che lo stesso Drezden tentenna sulla scelta fatta. Lola, però, che si definisce una vera dura, trova il modo per autocontrollarsi e riesce a portare a termine con molta professionalità l’esecuzione dei brani. Ma il colpo di fulmine colpisce con una mira perfetta sia Drezden che Lola, che nel giro di poche ore, entrano di diritto nelle vite l’uno dell’altra. Diventa in breve tempo tutto travolgente, e i battiti dei cuori di Lola e Drezden iniziano una danza inesorabile che li avvicina sempre di più, fino a perdersi completamente. 



E devo dire che anche io mi sono persa, perché questo libro mi ha davvero incantata e mi ha creato dipendenza. Con uno stile semplice, fluido e scorrevole, ma allo stesso tempo graffiante, l’autrice è stata in grado di incollarmi alle pagine e di travolgermi fino alla fine, con un ritmo serrato e seducente da farmi trattenere il respiro. Nella storia, l’autrice ha trattato molti temi tipici dei ragazzi ventenni: la solitudine, le discussionii con i genitori, le litigate e la solidarietà tra fratelli, i primi amori; ma anche argomenti molto forti quali il bullismo, l’autolesionismo, la violenza e tutto ciò che il successo e la fama comporta: i fan che ti odiano e costituiscono una minaccia, l’invidia di chi non è riuscito nel suo sogno, la gelosia dei falsi amici, l’incapacità di capire chi è sincero o meno. E, ancora più difficile, è mantenere i piedi per terra quando tutto intorno a te grida alla tua bravura e al tuo successo, di chi, in ogni momento, si occupa di qualsiasi cosa al posto tuo con un semplice schiocco delle dita. Potrebbe essere un sogno, ma anche una dannazione. Ed io, ho percepito tutto questo attraverso gli occhi di Lola e alle parole di Drezden, anche grazie ai pov alternati. 

"Ecco cos'era quella sensazione. Un'emozione che mi piegava alla sua volontà, mi teneva prigioniera tanto quanto la sua voce tenebrosa."



Entrambi hanno in comune non solo questa passione per la musica, ma anche un trascorso traumatico e difficile, che affrontano in maniera diversa. A Lola serve la sincerità, e quindi conoscere gli aspetti più intimi della persona, i segreti e i pensieri che affollano anima e mente. Lei ne ha bisogno, perché sebbene si definisce una dura, in realtà, dentro sa di essere fragile, proprio a causa del suo passato. E a provarlo è un tatuaggio sul braccio, un castello che rappresenta la rinascita di Lola da un periodo difficile e buio. La musica è stata il suo riscatto, l’edera che si attorciglia intorno alle mura di quel castello, su cui aggrapparsi per evitare di precipitare. 

"Non ero una vittima: quei giorni appartenevano al passato. Potevo combattere e lo avrei fatto, se qualcuno me ne dava la possibilità."

Drezden, invece, non si ferma a ciò che è successo e vuole guardare solo avanti, al futuro. La sua infanzia e adolescenza non è stata di certo facile e per lui è molto difficile aprirsi con gli altri, soprattutto con Lola, l’unica ragazza capace di fargli battere il cuore. Lei gli chiede di essere sincero e, per fare questo, Drezden si ritrova ad affrontare i fantasmi del passato. Credetemi se vi dico che lui vi farà davvero emozionare. 



Ben caratterizzati i personaggi secondari, che fanno da ottima cornice alla storia, così come l’ambientazione. Quello che poi mi ha davvero sorpresa, sono stati i brani delle canzoni della band, che da come ho capito dal mio inglese molto molto scarso, sono stati scritti dall’autrice e non ripresi da canzoni già esistenti.

Concludo dicendo che questa storia mi ha fatto sognare ed emozionare. Una lettura davvero romantica e sensuale, che cattura il lettore e lo porta via con sé. Non conoscevo Nora Flite e devo dire che mi ha convinta con le sue parole, perché è riuscita a trasmettermi e a farmi vivere tutte le emozioni dei personaggi. E spero di cuore di ritrovare le stesse identiche sensazioni nei prossimi libri della serie.



"La sincerità è ciò che permette di essere ciò che si è, di essere liberi e senza costrizioni"











Nessun commento:

Posta un commento

Il Blog si nutre dei vostri commenti, quindi se vi fa piacere lasciateci il vostro pensiero riguardante l'articolo. E se avete gradito quello che avete letto, condivideteci 💓 e clicca su G+