.

.

martedì 8 maggio 2018

Recensione "Il profumo del mosto e dei ricordi" di Alessia Coppola

Cari amici lettori,

oggi la nostra nuova collaboratrice Anna I. ci parla de "IL PROFUMO DEL MOSTO E DEI RICORDI" di Alessia Coppola, uscito il il 29 marzo grazie alla Newton Compton Editori. Ogni famiglia ha i suoi segreti, e i legami familiari non si spezzano mai.



Titolo: Il profumo del mosto e dei ricordi
Autrice: Alessia Coppola
Editore: Newton Compton Editori
Genere: Contemporary romance
Uscita: 29 marzo
Pagine: 320



Un’eredità inattesa
Un viaggio alla scoperta di legami familiari sconosciuti
Un amore capace di vincere le ombre del passato


Lavinia vive a Firenze, dove studia e lavora come restauratrice. Quando un telegramma le annuncia la morte del nonno, che non ha mai conosciuto, sarà proprio lei a partire per la Puglia per valutare l’eredità ricevuta. Al suo arrivo trova un’antica masseria da ristrutturare, terre e vigneti in stato di abbandono, ma trova anche una grande famiglia pronta ad accoglierla. Abituata alla città, Lavinia si sente quasi a disagio in quell’ambiente rustico, e mal sopporta le premure e l’affetto che tutti le riservano, convinti che lei sia lì per risollevare le sorti della tenuta. E invece Lavinia è pronta a venderla, anche se non ha il coraggio di confessarlo. Quel viaggio in una terra sconosciuta, selvaggia e vigorosa, ha però in serbo delle sorprese. Alessandro, il giovane agronomo che lavorava a fianco del nonno, le farà conoscere ogni angolo della proprietà, la guiderà alla scoperta delle sue radici, narrandole storie che nessuno le ha mai raccontato. Ripercorrere insieme a lui quel passato, avvolto nel mistero e capace di risvegliare tanti ricordi, le farà cambiare idea su molte cose...





Santa Cesarea, Puglia. Un luogo bagnato dal mare, ricco di culture e tradizioni, dove un serie di fortunati e sfortunati eventi faranno si che si compia una magia.



Lavinia è una giovane donna di 24 anni, restauratrice di opere d'arte e studentessa d'arte. Vive a Firenze con sua madre. Una ragazza introversa e spaventata dalle emozioni, che preferisce tenere il cuore sottochiave pur di non perdere il controllo sulle situazioni e sugli affetti. Ma basta un telegramma che le comunica la morte del nonno Umberto, che lei credeva già morto da anni, e aver ereditato una masseria in campagna della quale lei non conosceva neanche l'esistenza, per sconvolgere la sua vita e riportala alle sue radici di appartenenza. Catapultata, quasi con violenza, in una realtà fatta di ricordi, d'amore e di innumerevoli emozioni a lei estranee. Dopo pochi giorni si ritrova con una valigia difronte all'ingresso della Tenuta “ Rosa Bianca”: da Firenze al Salento.

 “ Benvenuta in Salento, mia cara, la terra del sole, del mare e del vento.” 

Una ragazza sola che si trova a fare i conti con un passato che le è stato negato, ad entrare nei meandri di una famiglia con la quale lei non ha legami sanguigni: una cara amica di sua madre, la vecchia e saggia domestica della tenuta e di tutti i dipendenti che per anni hanno lavorato per suo nonno, tra cui Alessandro. Un bellissimo uomo di 27 anni, che tenterà di aiutarla a far luce nel suo passato e di farle conoscere le sue origini e la sua terra. Con calma, tenerezza e tanta tanta pazienza, la porterà a comprendere quanto siano importanti le radici genetiche da cui proveniamo, e soprattutto, quanta influenza abbiano nel nostro presente e sulla nostra vita, rendendoci ciò che siamo. Ma... può esserci una storia d'amore senza imprevisti? L'imprevisto in questo caso si chiama Sabrina, che osteggia in tutti i modi Lavinia. Riuscirà a separarli? 

“Senza dargli diritto di replica, lei si avvicino e lo baciò. Mi sentii bruciare e mi mancarono le forze per andare li e darle un ceffone. La cosa che mi ferì di più è che lui...”

Beh, credetemi, la voglia di andare lì e darle un ceffone è venuta anche a me. Ma non vi svelo niente. 



Questo libro è semplicemente fantastico. Un mix di sensazioni, un up and down continuo tra ricordi ed emozioni, ricco di significato, un libro che lascia il segno. Vorrei anzitutto fare i miei più vivi complimenti alla scrittrice che, attraverso le sue parole, ha risvegliato i miei sensi. Ho visto tramonti, vigneti, cieli stellati... Ho ascoltato i grilli, le cicale e la pace di campagna, il sottofondo della melodia creata dalla natura... Ho assaporato il vino, le torte fatte in case, i piatti tipici del Salento... Ho sentito il profumo della terra, della campagna, del mare... 
Tra le pagine di questo libro si intrecciano elementi ed emozioni che formano una trama imprevedibile. Si racconta d'amore, di rapporti familiari sofferti; un viaggio verso la scoperta di sé e dei ricordi negati, la scoperta di un passato che si interseca con il presente e diventa futuro. 

"L'imprevedibilità è uno dei rischi e allo stesso tempo una delle bellezze della vita."

Vi consiglio di leggere questo libro, e semmai, di ritagliarvi un attimo per voi, che vi sospenda dalla stressante routine. Stendetevi su una chaise longue in un posto all'aperto (giardino, balcone...), concedetevi un calice di vino rosso in una sera di primavera. Per rendere l'atmosfera ancor più magica, vi consiglierei di mettere in sottofondo Zucchero con “Sere d'estate” (è la prima canzone che mi è venuta in mente appena ho finito il libro, poi capirete perché).
Questo romanzo vi trascinerà, capitolo per capitolo, in una storia d'amore/familiare che vi lascerà con il fiato sospeso fino alla fine. Dove il Karma, o il destino, vi lascerà davvero senza parole. Gli errori di una madre che, per paura di affrontare il dolore, nega alla figlia di conoscere il suo passato; ma il passato non se ne starà lì in silenzio, piomberà su Lavinia come un tuono nel cielo terso di Maggio. 
Alla prossima!







2 commenti:

  1. Una recensione accurata e che mette in luce gli aspetti che volevo il lettore cogliesse. Grazie infinite. <3 Questa recesione è un bellissimo regalo pima di partire per il Salone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un libro da leggere assolutamente.E' semplicemente bellissimo.
      Complimenti e grazie a te per averlo scritto.

      Elimina

Il Blog si nutre dei vostri commenti, quindi se vi fa piacere lasciateci il vostro pensiero riguardante l'articolo. E se avete gradito quello che avete letto, condivideteci 💓 e clicca su G+