.

.

giovedì 20 aprile 2017

Recensione " La Rivincità Siamo Noi" di Molly McAdams

Buongiorno amici lettori.
Oggi Concetta ci parla de “La rivincita siamo noi” di Molly McAdams, pubblicato da Newton Compton Editori e arrivato in Italia il 30 marzo 2017. Questo libro è il terzo della serie “Taking chances” ed è autoconclusivo, anche se consigliamo vivamente di leggere i due precedenti.

Buona lettura 😊.


Titolo: La Rivincita siamo noi
Autore: Molly McAdams
Editore: Newton Compton Editori
Serie: Taking chances #3
Genere: Contemporary Romance
Data D'uscita: 30 marzo 2017

Quando Kennedy Ryan si trasferisce in California, tutto si aspetta meno che di imbattersi proprio in Liam Taylor, colui che è stato protagonista assoluto dei suoi pensieri per mesi e mesi. È lui che l’ha portata a infrangere ogni regola per una sola notte di passione, ore bellissime che hanno significato, almeno per lei, molto più di quanto potesse immaginare. Reduce da esperienze disastrose con gli uomini, Kennedy è fuggita da lui e si è costruita intorno una corazza difficile da abbattere, ma ogni volta che vede Liam, la sua determinazione vacilla. Liam Taylor deve aiutare le nipoti del suo capo a socializzare. Ma quello che suona più come un lavoro da baby-sitter finisce per condurlo proprio dalla ragazza che pensava non avrebbe mai più incontrato, l’unica donna che è sgattaiolata via dal suo letto all’alba. Ora che l’ha ritrovata, però, Liam è determinato a non lasciarla andare. Quando un segreto del passato mette a dura prova la loro relazione, riuscirà Kennedy ad accordare a Liam quella fiducia che lui ha lottato tanto per guadagnarsi?

Taking chances series:
  1. Ti lascio ma restiamo amici
  2. La mia fantastica scelta sbagliata
  3. La rivincita siamo noi
Quando lessi “Ti lascio ma restiamo amici” e “La mia fantastica scelta sbagliata”, piansi… Piansi lacrime vere, come se anch’io avessi fatto parte della storia e avessi conosciuto realmente tutti i protagonisti. E in fondo è così che succede quando un romanzo ti entra dentro e tu entri dentro al romanzo… Per cui, nel leggere “La Rivincita Siamo Noi”, mi aspettavo un altro colpo al cuore, magari non di nuovo tragico, ma comunque di forte presa emotiva, ma ahimè, non è stato così.


La vicenda si svolge vent'anni  dopo i fatti narrati nel primo libro, e ha come protagonista Liam, figlio di Harper e Chase, cresciuto da Harper e Brandon (leggete i romanzi per capire! 😉).
Eh... come dimenticare Chase! Il classico Bad boy col cuore tenero, innamoratissimo e pronto a mettersi da parte per il bene di Harper e… basta, perché se ci penso mi sale di nuovo il magone, e poi devo parlarvi di Liam e Kennedy!
Tranquille, si tratta di un romanzo stand-alone, per cui, non è necessaria la lettura di quelli precedenti, anche se io vi invito caldamente a farlo!
Liam è il classico bello che non deve chiedere mai, sa ciò che vuole, tutte le ragazze gli cadono ai piedi e non vuole alcun tipo di relazione seria.
Kennedy è una ragazza determinata, testarda, indipendente, ama avere il controllo sulle sue relazioni.
Insomma, entrambi due caratteri Alfa, ma inevitabilmente destinati a capitolare.
Il prologo ci mostra Kennedy appena sveglia, a letto, con un certo “Lui” in una camera d’albergo a Las Vegas. Ripercorre con la memoria ciò che è successo la notte precedente, e mentre “Lui” continua a dormire sereno e tranquillo, lei si riveste, raccoglie le sue cose e va via.

«Avevo già commesso un errore con lui. Non ero certo un tipo da avventure di una notte. E men che meno da avventure di una notte con sconosciuti incontrati a Las Vegas».

Da quella notte trascorre un anno e la narrazione, con la consueta alternanza dei punti di vista, segue le vite che i due conducono a distanza. Kennedy è costretta a lasciare Tampa, insieme alla gemella Kira, e a trasferirsi a San Diego, in Florida, perché minacciate dai membri di una gang mandata in galera molti anni prima dal padre, ora in cerca di vendetta. 


Nel frattempo, Liam si trova ad accettare la richiesta del suo capo: aiutare le sue due nipoti, ragazze alquanto particolari, in arrivo dalla Florida, ma ciò che proprio non si aspetta è che una di loro è Luna, nomignolo dato alla ragazza con cui, l’anno prima, aveva trascorso un’incredibile e indimenticabile notte a Las Vegas e che al mattino era scomparsa, lasciandolo con l’amarezza di non sapere chi fosse né come fare a ritrovarla.
Nel momento in cui Liam e Kennedy/Luna si rincontrano, la scintilla si riaccende, perché nessuno dei due ha mai dimenticato l’altro.

«Era davvero lei. L’unica ragazza che se n’era andata via di nascosto mentre dormivo… l’unica ragazza che pensavo di non rivedere mai più… adesso era in piedi a qualche metro da me a parlare con il mio capo».

Ma, mentre Liam è disposto a fare qualsiasi cosa per averla, Kennedy si rifiuta di stare con lui e non fa altro che respingerlo. Non crede più nell’amore, c’è qualcosa nel suo passato che l’ha ferita talmente tanto da impedirle di dare una possibilità a Liam. Per cui, la ragazza all'apparenza forte, in realtà nasconde un animo fragile, che cerca in tutti i modi di proteggere sé stessa da qualsiasi altra delusione.

«Far credere a Liam che fra noi due non potesse esserci nulla era l’unico modo per proteggere il mio cuore».

Ma, nonostante tutto, l’insistenza e la dolcezza di Liam la convincono a voler dare una chance al loro rapporto, almeno finché il passato non torna a bussare alla sua porta, obbligandola a scegliere tra ciò che è giusto e ciò che desidera veramente.


Per quanto entrambi i protagonisti abbiamo il loro spessore, la storia, come ho già detto, non mi ha coinvolta particolarmente. Mi è piaciuto molto Liam, la sua determinazione, la sua goffaggine al primo appuntamento con Kennedy, il suo incessante essere presente nonostante i continui no ricevuti... in alcune situazioni ho riso anche di cuore. È stato bello ritrovare aneddoti della vita passata, vedere come sono diventati i personaggi del primo romanzo e, soprattutto, come Liam porti dentro di sé un po' di Chase e un po' di Brandon. Certo, il colpo di scena c’è stato pure, però… niente, a malincuore, e per quanto Liam sia fantastico, non mi sento proprio di inserire questo romanzo tra le mie letture preferite, forse perché dai presupposti iniziali mi aspettavo qualcosa di diverso, magari più pericoloso e intricato riguardo la situazione della gang che dà la caccia alle gemelle… Comunque sia, a prescindere da quelle che fossero le mie aspettative riguardo questa lettura, concedetevi ugualmente un momento per conoscere Liam e la sua storia con Kennedy.

Nessun commento:

Posta un commento

Il Blog si nutre dei vostri commenti, quindi se vi fa piacere lasciateci il vostro pensiero riguardante l'articolo. E se avete gradito quello che avete letto, condivideteci 💓 e clicca su G+