.

.

giovedì 5 luglio 2018

Recensione in Anteprima "Il Sognatore" di Laini Taylor, Strange the dreamer #1

Carissimi lettori,

oggi la nostra Stella vi parla in anteprima del nuovo romanzo Lani Taylor, "Il sognatore", in uscita oggi grazie a Fazi Editore per la collana LainYa. L'autrice famosa già per la trilogia "La chimera di Praga" torna con un fantasy ambientato in un mondo magico che vi farà sognare ad occhi aperti. Buona lettura!



Titolo: Il sognatore
Autrice: Laini Taylor
Editore: Fazi Editore
Genere: Fantasy, Young Adult
Uscita: 5 luglio
Pagine: 540


In un mondo indefinito, devastato dai postumi di una guerra fra dèi e uomini, il piccolo Lazlo Strange, orfano, viene allevato da monaci arcigni che tentano con la forza di strappare il germe della fantasia dalla mente del bambino. Ma Lazlo è nato sognatore. Rimane impressionato dai racconti di un anziano monaco, che parlano di una misteriosa città, un luogo di cui si è persa la memoria ma nel quale è accaduto qualcosa di tragico, qualcosa di enorme. Conoscere questa città, chiamata Pianto, diventa il suo sogno, la sua ossessione. Anni dopo, ormai ventenne, Lazlo lavora come bibliotecario; passando tutto il suo tempo fra libri e documenti, appaga la sua sete di ricerca e di storie. Finché un giorno arriva nientemeno che una delegazione di guerrieri proveniente proprio dalla mitica Pianto, guidata da un comandante soprannominato il Massacratore degli Dei, il quale spiega che sta girando per tutto il territorio alla ricerca di uomini e donne in possesso di capacità intellettuali e manuali che possano servire a ricostruire la città, devastata dalla guerra. Lazlo chiede di essere arruolato e ottiene il posto. Inizia così un viaggio avventuroso verso la meta cui ambisce fin dall’infanzia...

La serie "Strange the dreamer" è composta da:
1. Il sognatore
2. Muse of nightmares (a ottobre negli USA)





Cari lettori, avete presente quei libri che vi incuriosiscono ma non riuscite a comprenderli da subito? Quei libri di cui subite il fascino ma che conservano la loro aura di mistero e si fanno desiderare? Ecco, quelli per me sono i libri che in un modo così inaspettato riescono a rapire l'anima del lettore senza che il lettore nemmeno se ne accorga. E se non è magia questa! Questo è proprio quello che è successo a me con Il Sognatore, un romanzo che trasuda magia onirica da ogni singola parola, che mi ha fatta entrare in un mondo parallelo dove tutto è possibile e ha avvolto tutti i miei sensi in un'atmosfera , è il caso di dirlo, “da sogno". Se siete grandi estimatori dei film di Tim Burton e Guillermo del Toro, in questo romanzo potrete ritrovare quel mood visionario che Laini Taylor ha modellato con il suo incredibile talento.

Tutto ha inizio con il sogno di una vita di un umile giovane. Lazlo Strange è un ragazzo orfano che viene allevato da un gruppo di monaci. Tra le mura del monastero in cui cresce, Lazlo rimane colpito e affascinato dai racconti sulla mistica e misteriosa città di Pianto, un luogo leggendario, esotico, unico nel suo genere. L'aura magica che aleggia intorno alla città ha alimentato per anni i sogni e le fantasie di Lazlo, il quale coltiva giorno dopo giorno la speranza di poterla visitare e svelarne i misteri. Una volta cresciuto e abbandonato quel monastero che tanto lo opprimeva, intraprende la carriera di bibliotecario; un lavoro perfetto per un amante dei libri e delle storie come lui e per continuare a coltivare la passione per Pianto, tanto ad arrivare a dedicarne un'intera opera scritta di suo pugno. 



Lazlo ancora non sa che presto la sua tranquilla vita da bibliotecario sta per subire una grande svolta con l’arrivo in città di una delegazione che arriva dritta, dritta da Pianto.
Eril-Fane, eroe guerriero a capo della delegazione, è giunto in cerca di aiuto in terra straniera per poter liberare la sua città da un'inquietante “oscurità” che l'affligge; questa delicata missione richiede l’intervento di esperti in campo di scienza e filosofia e Lazlo di certo non ha di questi talenti, lui ha con sé solo una grande immaginazione, una mente aperta e brillante e un grande sogno. Ed è proprio questo però che gli darà il coraggio di farsi avanti per rendersi volontario per la spedizione; è la sua unica e grande occasione dopotutto, e la sua tenacia gli farà finalmente coronare il suo sogno.

"Orizzonti invece di libri. Cavalcare invece di leggere. Era tutta un’altra vita, lì, ma non ci si poteva sbagliare: Lazlo era ancora in tutto e per tutto il sognatore che era sempre stato, se non di più."


 Inizia così per Lazlo l'avventura più grande della sua vita che lo cambierà per sempre in ogni modo possibile e che porterà il suo destino e il suo cuore a incrociare i dolcissimi occhi di Sarai, una misteriosa ragazza dai fluenti capelli rossi e dalla straordinaria pelle blu. Il loro speciale incontro darà il via a una catena di eventi che cambierà per sempre le loro vite e di tutta la città di Pianto.

"Non era consapevole che fosse un sogno. C’era dentro e basta. La logica che apparteneva al mondo reale era rimasta fuori, come un bagaglio lasciato su un molo."

Che meravigliosa avventura è stata leggere Il Sognatore! È un romanzo al quale sinceramente non so trovare difetti, perché ha tutte le caratteristiche che un libro fantasy con tutti i crismi deve avere: una scrittura impeccabile, una storia originalissima e ben sviluppata, personaggi principali e secondari definiti alla perfezione, un worldbuilding spettacolare e ricco, e una trama che svela i suoi misteri poco a poco, nella misura giusta da incuriosire e intrigare il lettore. Per non parlare poi del finale a dir poco sconvolgente ma assolutamente geniale! Perché si sa che se i libri non sono scioccanti, non siamo contenti!
Come dicevo prima, ho adorato il modo in cui i personaggi vengono descritti con dovizia di particolari e caratterizzati, e il mio preferito è senza dubbio Lazlo, il grande Sognatore. Questo ragazzo ha un animo puro ma è anche audace e non si lascia scoraggiare da nulla. La sua acuta intelligenza lo rende un personaggio dalla sottile ironia e dalla flemma inattaccabile. La spiccata immaginazione che lo caratterizza da sempre gli permette di vivere la sua avventura a Pianto con intraprendenza e curiosità, sempre in prima linea per qualsiasi incarico. La sua esuberanza da sognatore si contrappone alla sua dolce timidezza quando si tratta di questioni di cuore e in particolare di Sarai.

"Penso che tu sia una fiaba. Penso che tu sia magica e coraggiosa e sublime."

Sarai è una ragazza che custodisce tanti segreti, le sue mistiche origini e il suo passato la lasciano in continuo bilico tra bene e male.


"L’odio l’aveva abbandonata, e fu come perdere lo scudo in una battaglia. Una volta scomparso, tutta la sofferenza era venuta a galla e l’aveva sopraffatta."


 Il suo carattere gentile si pone in netto contrasto con il suo particolare dono con cui è nata, un dono proveniente da una magia antica, potente e oscura che lascia ben poco spazio all'innocenza.



 È un dono con il quale è costretta a convivere e che la spaventa, ma che a piccoli passi e con l'incoraggiamento di Lazlo imparerà a dominare. Questa sua particolarissima capacità è tutta da scoprire, ci viene presentata con un'aura di mistero affascinante e spaventosa allo stesso tempo, e che lascerò scoprire a voi tramite la lettura perché è davvero qualcosa di spettacolare.
Il rapporto tra Lazlo e Sarai è appassionato, romantico e dolcissimo ma mai stucchevole. La meraviglia e lo stupore nei loro occhi e nei loro cuori quando sono insieme, rende tutto più magico, vivace e intenso. 



La combinazione delle loro fervide immaginazioni è un onirico mix di vividi colori e Laini Taylor li descrive in un modo talmente fiabesco e poetico da far percepire al lettore ogni meravigliosa sfumatura, come se lo vedesse coi suoi stessi occhi. L'eccezionale worldbuilding della città di Pianto è una perfetta miscela di luci e ombre e peculiari edifici che sembrano usciti da un racconto di Tolkien.

Insomma, un lettore amante del fantasy non potrà che rimanere folgorato dalla bellezza di questo romanzo unico, in cui ombre e oscurità sono sempre in agguato e i colpi di scena sono inaspettati e imprevedibili e credetemi, quello che vi ho raccontato è solamente la punta dell'iceberg e non sarete mai preparati per quello che accade alla fine del libro…

Laini Taylor vi lascerà senza parole e vi renderà totalmente dipendenti da questa epica storia, il cui seguito “Muse of Nightmares” uscirà ad ottobre in inglese e spero poi presto anche in Italia, perché i nostri cari Lazlo e Sarai insieme a tanti altri personaggi hanno ancora tanto, tantissimo da raccontarci e tanti misteri da svelarci.






Nessun commento:

Posta un commento

Il Blog si nutre dei vostri commenti, quindi se vi fa piacere lasciateci il vostro pensiero riguardante l'articolo. E se avete gradito quello che avete letto, condivideteci 💓 e clicca su G+